Ultima modifica: 20 Dicembre 2019
Atto di indirizzo

Atto di indirizzo

ATTO DI INDIRIZZO PER LA REVISIONE ANNUALE DEL PTOF E SCELTE DI GESTIONE E AMMINISTRAZIONE – TRIENNIO 2019/22. 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO  

VISTA la legge n. 59/97 che ha introdotto l’autonomia delle istituzioni scolastiche;

VISTO il D.P.R. n. 275/99 “Regolamento recante norme sull’autonomia scolastica”;

VISTO l’art. 25 del D.Lgs. n. 165/2001 recante “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche” che attribuisce al Dirigente Scolastico, quale garante del successo formativo degli alunni, autonomi poteri di direzione, di coordinamento e di valorizzazione delle risorse umane, per assicurare la qualità dei processi formativi, per l’esercizio della libertà di insegnamento, intesa anche come libertà di ricerca e innovazione metodologicodidattica per l’attuazione del diritto all’apprendimento da parte degli alunni;

VISTE le norme in vigore che disciplinano gli ordinamenti della Scuola dell’Infanzia, della Scuola Primaria e della Scuola Secondaria di I grado;

VISTO il D.P.R. del 20 marzo 2009, n. 89 in seguito al quale nel 2012 sono entrate in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola dell’Infanzia e del Primo Ciclo di Istruzione;

VISTO il D.Lgs. 62/17 recante “Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107”;

VISTO il D.Lgs. 66/17 recante “Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n.107”;

VISTA la Legge 20 agosto 2019, n. 92 “Introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica”;

VISTA la Legge 170/10 recante “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico” e il relativo DM n. 5669 12/07/2011 recante Disposizioni attuative della Legge 170/10;

VISTO il D.P.R. del 31 agosto 1999, n. 394, Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, a norma dell’articolo 1, comma 6, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286;

VISTA la Nota MIUR n. 4233 del 19.02.2014, contenente le Linee Guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri;

VISTA la Legge n.107/2015 che ha novellato l’art. 3 del D.P.R. 275/99 “Riforma del sistema Nazionale di Istruzione e Formazione”;

TENUTO CONTO degli esiti dell’autovalutazione di Istituto e, nello specifico, delle criticità indicate nel Rapporto di Autovalutazione (RAV) e delle priorità e traguardi in esso individuati;

TENUTO CONTO delle azioni di miglioramento individuate ed indicate nel Piano di Miglioramento il quale costituisce parte integrante del Piano Triennale dell’Offerta Formativa;

VISTI gli obiettivi regionali assegnati ai Dirigenti scolastici a partire dal 1 settembre 2019, prot. n.0022615 dell’11/08/2019:

  • Garantire il raccordo costante e organico con i successivi segmenti formativi e con le famiglie, al fine di facilitare la scelta più adeguata al successo scolastico e formativo di tutti gli studenti, in funzione della realizzazione personale di ciascuno. 
  • Favorire e diffondere nella comunità scolastica la cultura dell’innovazione metodologica e didattica, al fine di promuovere l’utilizzo di una pluralità di modelli pedagogici come strumenti di attenzione e cura verso il processo di apprendimento e del successo formativo di ciascuno studente. 
  • Assicurare le condizioni organizzative e favorire l’impiego ottimale delle risorse disponibili per la personalizzazione e l’individualizzazione dei percorsi di apprendimento, finalizzati al successo formativo di ciascun allievo. 

CONSIDERATO che il piano dell’offerta formativa rappresenta il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale dell’istituzione scolastica ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa che la scuola adotta nell’ambito della propria autonomia in prospettiva triennale (art. 1 c. 2);

TENUTO CONTO del contesto socio-culturale ed economico della realtà locale;

PREMESSO
  • che nel Regolamento sulla valutazione, DPR 80/2013, la valutazione dell’operato del D.S. dovrà prestare attenzione agli obiettivi di miglioramento della scuola, individuati attraverso il RAV, e alle aree di miglioramento organizzativo e gestionale direttamente riconducibili all’operato del Dirigente Scolastico, ai fini della valutazione dei risultati della sua azione dirigenziale in base all’art 25 D.Lgs 165/2001 e successive modificazioni.
  • che il Piano dell’Offerta Formativa Triennale (PTOF) è lo strumento attraverso il quale le risorse professionali, economiche e strutturali – pur nei vincoli ineludibili del contesto e nei limiti attribuiti dalle Leggi Finanziarie e di Stabilità Nazionali – permettono piena attuazione degli obiettivi inseriti nel Piano di miglioramento e che il management di tali risorse consente una univocità di indirizzi e di fini, requisito fondamentale di ogni buona Istituzione scolastica
EMANA

ai sensi dell’art. 3 del DPR 275/99, così come sostituito dall’art. 1 comma 14 della legge 13.7.2015, n. 107, il seguente Atto d’indirizzo per le attività della scuola e le scelte di gestione e di amministrazione.

 

Scarica il documento    (.pdf  718 Kb)

                                                                    LA DIRIGENTE SCOLASTICA

                                                                   DOTT.SSA CARMELA VALENTI

Firma autografa sostituita a mezzo stampa  ai sensi art. 3 c.2 del D. Lgs. n.39 /1993




Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie! Cliccando qualsiasi link su questa pagina si auorizza l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi