Ultima modifica: 20 Dicembre 2019
Atto di indirizzo > Dati rilevati dal rapporto di autovalutazione

Dati rilevati dal rapporto di autovalutazione

Non vi è dubbio che l’attività progettuale non potrà prescindere dall’analisi del Rapporto di Autovalutazione (RAV) e dall’attuazione del Piano di Miglioramento (PDM), di cui all’art.6, comma 1, del DPR 28 marzo 2013 n. 80.

Il RAV rappresenta uno strumento di lavoro finalizzato a promuovere un’attività di analisi e di valutazione interna. Esso consolida l’identità e l’autonomia della scuola, rafforza le relazioni collaborative tra gli operatori, esprime la capacità della scuola di compiere un’autentica autoanalisi dei propri punti di forza e di criticità, alla luce di dati comparabili, inoltre, consente di porre in relazione gli esiti di apprendimento con i processi organizzativo-didattici, all’interno del contesto socio-culturale, di individuare le priorità e gli obiettivi di miglioramento.

Sulla base delle criticità emerse nel RAV, il Nucleo Interno di Valutazione (NIV) pianifica un percorso di miglioramento per il raggiungimento dei traguardi connessi alle priorità indicate nel RAV. Il PDM, si configura, infatti, come base strategica per il conseguimento degli obiettivi individuati a conclusione dell’autoanalisi che la scuola ha fatto dei propri punti forza e di criticità. Esso si colloca in stretta correlazione e coerenza con le attività, i progetti e gli obiettivi inseriti nel PTOF, essendone parte integrante e fondamentale: il PDM rappresenta la politica strategica dell’Istituzione per intraprendere un’azione di qualità, alla luce di quanto emerso dal RAV.  

Pertanto, RAV e PDM rappresentano gli atti prodromici all’elaborazione del PTOF che dovrà tener conto delle criticità individuate nel RAV e delle priorità, traguardi, ed obiettivi di processo definiti dall’istituzione scolastica per dare piena attuazione al Piano di Miglioramento della scuola.

 TUTTE LE AZIONI DOVRANNO CONVERGERE VERSO L’UNICO OBIETTIVO DEL MIGLIORAMENTO DEGLI ESITI E IL SUCCESSO FORMATIVO DI TUTTI GLI STUDENTI

Inoltre, in relazione alle seguenti aree di processo, il Collegio è chiamato ad attivare specifiche iniziative didattiche finalizzate al miglioramento delle performance scolastiche degli studenti, con riguardo sia alle situazioni di criticità, sia alle situazioni di eccellenza che debbono essere opportunamente valorizzate:

AREE DI PROCESSO

OBIETTIVI DI PROCESSO

Curricolo, progettazione, valutazione

1)  Sulla base del curricolo verticale d’istituto progettare per competenze chiave e di cittadinanza europea

2) Nell’ambito dei dipartimenti procedere alle continue e sistematiche verifiche del curricolo verticale e delle prove strutturate per classi parallele in ingresso, in itinere e finali

3) Coinvolgere i consigli di classe e i team docenti nell’osservazione sistematica delle competenze chiave e di cittadinanza

4) Inserire nella progettazione verticale per competenze prove di valutazione autentiche e rubriche di valutazione

Ambiente di apprendimento

1)  Incrementare la collaborazione tra docenti per diffondere maggiormente pratiche didattiche innovative, laboratoriali, a classi aperte

2) Sviluppare un clima di apprendimento positivo e costruire regole di comportamento condivise per gestire meglio i conflitti e ridurre casi di bullismo

Inclusione e differenziazione

1)  Monitorare ed, eventualmente, adattare la modulistica per  la redazione di PEI e di PDP, tenendo conto dei protocolli di individuazione dei BES.

2) Creare luoghi e momenti di ascolto, con figure di riferimento, per comprendere le difficoltà riscontrate nell’inserimento degli alunni stranieri e BES

3) Implementare le collaborazioni con associazioni ed enti specializzati nel settore

Continuità e orientamento

1) Favorire momenti di incontro e di scambio fra docenti e alunni dei vari ordini di scuola

 

2) Promuovere attività didattiche tra i vari gradi scolastici ed in particolare tra le classi-ponte privilegiando la didattica laboratoriale

3) Incoraggiare una didattica orientativa che favorisca nell’alunno la creazione di un proprio personale progetto di vita

Orientamento strategico e

Organizzazione della scuola

1) Riorganizzare modelli ed articolazioni della classe in funzione del curricolo per competenze

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

1)  Potenziare la formazione e l’aggiornamento professionale dei docenti con percorsi formativi funzionali al miglioramento del processo di insegnamentoapprendimento

2) Favorire la collaborazione tra docenti: attività in gruppi di lavoro e condivisione di strumenti e materiali didattici.

3) Tenere aggiornata l’anagrafe delle competenze dei docenti al fine di una piena valorizzazione delle risorse

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

1)  Collaborare con enti ed associazioni presenti nel territorio per un progetto comune a fini formativi

2) Coinvolgere le famiglie e confrontarsi per la definizione di atteggiamenti comuni e condivisi

3) Sensibilizzare le famiglie al rispetto del Patto educativo di Corresponsabilità.

 




Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie! Cliccando qualsiasi link su questa pagina si auorizza l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi