Ultima modifica: 22 Giugno 2016
Infanzia > Giugno 2016

Giugno 2016

Andavo a 100 all’ora

…Io non sono stato capace di affidarmi a questi oggetti. Non sono mai riuscito a postare i miei stati d’animo, così come non sono riuscito ad inserire una moneta sperando di vincere. Macchinette, cellulari e facebook sono diventati il surrogato dell’incapacità di comunicare, il catarro comunicativo, mi sento solo e confuso. Andrà a finire che quando avremo consegnato tutti i nostri sensi, i nostri stati d’animo, le nostre emozioni, gli occhi, le orecchie, i desideri e la bocca non saremo più liberi. Lancio una moneta e mi chiedo che fine ha fatto il nostro amore. Mi mancano i problemi della vita reale, le inquietudini del comunicare, il guardarti profondamente negli occhi e toccarti. L’amore che fine ha fatto? Dov’è?

 

                                                                                                            Da “Andavo a 100 all’ora”

                                                                                                             Teatro industria scenica

apeuta)




Avviso: su questo sito si utilizzano i cookie! Cliccando qualsiasi link su questa pagina si auorizza l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi